A Compagna su Dante: “Ahi Genovesi uomini diversi…”

0
CONDIVIDI
Dante Alighieri: "Ahi Genovesi uomini diversi..."
Dante Alighieri: "Ahi Genovesi uomini diversi..."
Dante Alighieri: “Ahi Genovesi uomini diversi…”

GENOVA. 20 MAR. Martedì 22 marzo 2016 alle ore 17.00 nell’Aula San Salvatore in piazza Sarzano, A Compagna, nell’ambito delle conferenze I Martedì de A Compagna, che l’antico sodalizio cura da oltre quarant’anni, promuove il XXI appuntamento del ciclo 2015-2016: Giacomo Siragna: “Ahi Genovesi, uomini diversi… Dante in Liguria e dintorni”.

L’ingresso è libero.

Giacomo Siragna, medico e ginecologo, per oltre trent’anni componente de “I Madrigalisti di Genova”, diretti da Leopoldo Gamberini, gruppo specializzato in musica medioevale e rinascimentale, nel ruolo di strumentista (liuto, viola da gamba e ribeca) e di corista, è da molti anni impegnato in ricerche sulla musica del Medioevo, in particolare sulla presenza della musica nella “Divina Commedia”.

 

È inoltre autore di un saggio sugli affreschi di interesse musicale inserito nel libro “L’Annunziata del Vastato a Genova”. Appassionato di cultura del Medioevo, ha rivolto da anni i suoi interessi verso Dante, sia per la sua vita errabonda sia per le sue opere: quale personaggio infatti può da solo incarnare tutti gli aspetti dell’età di mezzo, dalla filosofia alla religione, dalla politica all’arte nelle più varie ed alte espressioni?

Eppure di questo grandissimo poeta, tra i più letti e conosciuti al mondo, sappiamo molto poco: quale migliore occasione per i suoi biografi, dall’Ottocento ad oggi numerosissimi e qualificatissimi, di attribuirgli fatti e presenze che spesso configgono tra loro?

Le ricerche che si concretizzano in questo incontro in Compagna sono un tentativo di fare un po’ d’ordine nella cronologia di un personaggio che per vent’anni ha vagato esule lungo la penisola italiana alla ricerca di un luogo che gli offrisse un rifugio sereno e al tempo stesso gli strumenti per poter attendere alla stesura della sua opera più importante. L’attenzione è incentrata sulla presenza di Dante in Liguria, i suoi ospiti ed i luoghi descritti nel suo poema, proseguito o addirittura iniziato nella composizione proprio nella nostra regione: un tentativo di vedere, attraverso alcuni brevi filmati, “con gli occhi di Dante” ciò che ha visto, o non può non aver visto, nella nostra terra.

A Compagna: www.acompagna.org

LASCIA UN COMMENTO