Home Consumatori Consumatori Savona

A CALICE E CERIALE LA PASTASCIUTTA ANTIFASCISTA

0
CONDIVIDI

In Piazza Cesio a Calice la Pastasciutta Antifascista
In Piazza Cesio a Calice la Pastasciutta Antifascista
SAVONA. 25 LUG. Saranno Calice Ligure e Ceriale ad ospitare oggi la tradizionale manifestazione “Pastaciutta Antifascista”. Anche nel ponente savonese, per ricordare il settantaduesimo anniversario dalla liberazione dal giogo fascista, e celebrare un mitico episodio della Lotta Antifascista, vengono organizzati appositamente questi due appuntamenti. Ad organizzare l’evento sono, nel nostro comprensorio, l’ Istituto Cervi e varie sezioni dell’ Anpi fra cui quelle cerialese e calicese. Alla caduta del Fascismo, il 25 luglio del 1943, fu grande festa a Casa Cervi, come in tutto il Paese. Una gioia spontanea di molti italiani che speravano nella fine della guerra, nella morte della dittatura.  L’Istituto Cervi rievoca quel clima di gioia a partire dall’episodio della storica pastasciutta di Campegine, riproponendo la stessa formula di ritrovo spontaneo e festoso. Per ricordare una data simbolica della nostra storia. I vari gruppi sono collegati attraverso Facebook nella “ Rete delle pastasciutte antifasciste”. In Liguria si sono organizzate per ricordare quell’ evento nove sezioni Anpi della provincia di Savona: Calice Ligure, Ceriale, Finale Ligure, Noli, Spotorno, Orco Feglino, Pietra Ligure, Rialto e Tovo S. Giacomo ed alcune sedi della CCCP ( Casa dei Circoli Culture e Popoli). Da quel 25 luglio però la Liberazione avverrà solo dopo 20 tremendi mesi e dopo aver pagato molte sofferenze e perso molte vite. Ma quel 25 luglio, alla notizia che il duce era stato arrestato, c’era solo la voglia di festeggiare. A Campegine, i Cervi insieme ad altre famiglie del paese, portarono la pastasciutta in piazza, nei bidoni per il latte. Con un rapido passaparola la cittadinanza si riunì attorno al carro e alla “birocia” che aveva portato la pasta. Tutti in fila per avere un piatto di quei maccheroni conditi a burro e formaggio che, in tempo di guerra e di razionamenti, erano prima di tutto un pasto di lusso. C’era la fame, ma c’era anche la voglia di uscire dall’incubo del fascismo e della guerra, il desiderio di riprendersi la piazza, con un moto spontaneo, dopo anni di adunate a comando e di divieti.
A Calice Ligure l’appuntamento della “ Pastasciutta antifascista” è in piazza Cesio, alle ore 20, dove si riuniranno tutti i cittadini e gli amici ed aderenti alle sezioni Anpi di Calice, Finale, Noli, Orco Feglino, Pietra, Rialto e Spotorno, in memoria dei Fratelli Cervi. A Calice già alle ore 10 del mattino del 25 luglio nella sala del Consiglio Comunale la giornata sarà aperta con un convegno dei sindaci su: “ Albo civico dei volontari”, mentre altre iniziative proseguiranno per tutta la giornata che si concluderà appunto con con la “ Pastasciutta antifascista” . Per avere maggiori informazioni sull’ iniziativa è possibile digitare su Internet
https://anpifinaleligure.files.wordpress.com/2015/01/a3-manifestazione-pastasciutta.pdf
“ Di quel 25 luglio,- dicono alla Anpi di Ceriale- di quella pagina di storia italiana è rimasto poco nella memoria collettiva. Eppure c’è stato, in tutta Italia e in quella data, uno spirito genuino e pacifico di festa popolare: prima dell’8 settembre, dell’ occupazione tedesca, della Repubblica di Salò. Prima delle brigate partigiane e della Lotta di Liberazione”.
L’Istituto Cervi, vent’anni or sono, ha voluto ricostruire quel clima di gioia a partire dall’episodio della storica pastasciutta di Campegine, riproponendo la stessa formula di ritrovo spontaneo e festoso. Per ricordare una data simbolica della nostra storia.
Anche quest’anno si preannuncia una grande manifestazione a Casa Cervi, che affiancherà riflessione e convivialità nel grande parco del Museo di Gattatico.
A Ceriale la pastasciutta sarà offerta a tutti coloro che vorranno partecipare all’evento presso la sede ANPI in via Concordia, 8. “Speriamo di avere una grande risposta dai cittadini – dicono all’ Anpi cerialese- vista l’adesione delle ANPI di Zona: Alassio-Laigueglia, Albenga, Andora, Leca d’Albenga e Loano ed il contributo della Coop Liguria. Saranno presenti Salvatore Panu, che eseguirà canzoni della Resistenza e Simonetta Pozzi, che leggerà alcune lettere commoventi della Famiglia Cervi. Anche quest’anno ci sarà un collegamento in diretta con l’Istituto Cervi”.
PAOLO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here