A BORGHETTO MERCOLEDI SI INAUGURA IL NUOVO ANNO UNITRE

0
CONDIVIDI

Il via alle lezioni dell' Unitre
Il via alle lezioni dell’ Unitre
SAVONA. 19 OTT. Sarà il professore albenganese Marco Cammi a tenere mercoledì pomeriggio la prolusione per l’apertura dell’anno accademico dell’ Unitre di Borghetto. Nell’occasione verrano anche presentati i corsi: l’ appuntamento è per le ore 15 e 30 nella sala conferenze di Palazzo E. Pietracaprina in Piazza Libertà. Le attività dell’Unitre di Borghetto fanno parte dell’ offerta formativa dell’ Unitre Comprensoriale Ingauna che svolge molteplici iniziative e corsi nei comuni di Albenga, Borghetto Ssanto Spirito e Ceriale. A presiedere il consiglio direttivo è Gustavo Ravera. Alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2015/2016 dell’Unitre di Borghetto Santo Spirito saranno presenti le massime autorità religiose, civili e militari. In apertura il professor Cammi interverrà su “L’Europa tra vecchi e nuovi abitanti”. In seguito i docenti illustreranno i programmi dei corsi e forniranno informazioni agli studenti, che avranno l’opportunità di frequentare dodici tra corsi e laboratori, con un importante numero di materie e discipline a disposizione. La novità principale di quest’nanno sarà un nuovo corso di lingia e civiltà straniera: gli studenti avranno infatti l’opportunità di avvicinarsi ad una nuova lingua, il Tedesco, che verrà presentato dal professor Silvano Muscas. Durante l’inverno, inoltre, si svolgeranno incontri e conferenze aperte al pubblico. Per coloro che volessero maggiori informazioni è possibile telefonare al numero 0182 973016, oppure rivolgersi direttamente alla Biblioteca Civica, sede dell’Unitre di Borghetto S. Spirito, dove sono disponibili i depliantis degli orari e dei programmi dei corsi. Ad organizzare queste iniziative è l’Università della Terza Età di Borghetto in collaborazione con l’ Assessorato alla Cultura del comune, guidato da Maria Grazia Oliva. Per conoscere la altre iniziative dell’ Unitre è possibile vititare il sito http://sbvv.tecaweb.it
oppure scrivere all’indirizzo di posta elettronica [email protected]

CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO