A Boissano e Loano i campionati Fisdir di Atletica e Calcio a 5

1
CONDIVIDI
A Boissano e Loano i campionati Fisdir di Atletica e Calcio a 5
A Boissano e Loano i campionati Fisdir di Atletica e Calcio a 5
A Boissano e Loano i campionati Fisdir di Atletica e Calcio a 5

SAVONA. 9 MAG. Ultimi preparativi a Boissano e Loano per ospitare due importanti appuntamenti sportivi che porteranno nel comprensorio loanese centinaia di atleti, dirigenti, accompagnatori e familiari. Sarà infatti la pista di Boissano ad ospitare l’ ottava edizione dei campionati nazionali di Atletica Leggera della Fisdir che assegneranno i 21 titoli italiani in palio.

Si tratta di un evento di grande rilievo sociale e sportivo che vede nuovamente impegnato il comprensorio loanese. Le gare si svolgeranno dal 13 al 15 maggio e vedranno la partecipazione di quasi quattrocento atleti provenienti da tutta Italia. Successivamente dal 19 al 22 maggio si svolgerà invece a Loano il campionato italiano di calcio a 5 sempre della Fisdir. Le partite si disputeranno in due sedi: al Palasport Garassini (via Matteotti) e nella palestra dell’ Istituto “Giovanni Falcone”(via Aurelia 297). In gara 19 formazioni che si giocheranno i titoli riservati a Divisione Base, Divisione Promozionale e Agonistica. Saranno presenti i responsabili nazionali Enrico Zazzaro, Roberto Signoretto e Gianluca Mora.

“ Ancora una volta Loano ed il suo comprensorio- spiega Dario Della Gatta del Comitato paralimpico ligure- ospitano una serie di appuntamenti di rilievo nel panorama dello sport paralimpico.

 

Si tratta di due eventi che si svolgeranno a Boissano e Loano dall’elevato tasso e contenuto tecnico, che rappresenteranno un momento culturale fondamentale per promuovere e diffondere gli ideali di sport paralimpico, uno sport che permette a persone con disabilità di divenire atleti e attraverso questo di raggiungere una dimensione sociale che sappia pienamente includerli all’interno della collettività. La competizione sportiva in questo senso aiuta gli atleti a superare i propri limiti nel tentativo di conquistare medaglie e record, così come l’essere atleti rappresentanti la propria regione, la propria città e fare parte di un gruppo, di una squadra, completa un processo importante e fondamentale che garantisce a questi atleti di ritagliarsi uno spazio importante all’interno della società”.

CLAUDIO ALMANZI

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO