70° della Repubblica, in Prefettura la cerimonia istituzionale

0
CONDIVIDI
Il 2 giugno le celebrazioni per il 70° della Repubblica
Il 2 giugno le celebrazioni per il 70° della Repubblica
Il 2 giugno le celebrazioni per il 70° della Repubblica

GENOVA. 31 MAG. Apertura straordinaria il 2 giugno per tutta la giornata di Palazzo Doria Spinola, sede della Cerimonia istituzionale per il 70° della Repubblica, accompagnata da una mostra di documenti dalle raccolte storiche dei quotidiani Il Lavoro e Il Secolo XIX e dall’archivio dell’Istituto Mazziniano.

Le celebrazioni per l’anniversario della Fondazione della Repubblica, coordinate dalla Prefettura di Genova e alla presenza di tutte le istituzioni, inizieranno alle 11 nel loggiato inferiore di Palazzo Doria Spinola con l’alzabandiera e la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica.

Seguiranno l’orazione ufficiale del professor Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte Costituzionale e la consegna delle medaglie d’oro ai cittadini italiani deportati nei lager nazisti.

 

La cerimonia sarà accompagnata dal Paganini Chorus Clarinet del Conservatorio Paganini.

Sempre nel Palazzo che ospita la Prefettura e la sede del Consiglio della Città metropolitana si terrà domani pomeriggio alle 15.30 un prologo al 2 giugno con il convegno “70° della Repubblica” nella sala consiliare della Città metropolitana organizzato dall’Istituto Ligure per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea (ILSREC) con i patrocini della Prefettura, della Regione, della Città metropolitana e del Comune di Genova.

Presenterà l’incontro il presidente ILSREC Giacomo Ronzitti e ai saluti del sindaco Marco Doria, del presidente della Regione Giovanni Toti e del prefetto Fiamma Spena seguiranno gli interventi del professor Giovanni De Luna dell’Università di Torino (Le grandi scelte. L’Italia dalla Liberazione alla Repubblica), della professoressa Maria Elisabetta Tonizzi dell’Università di Genova (Il voto alle donne: una tappa fondamentale dell’emancipazione femminile) e del professor Claudio Dellavalle dell’Università di Torino (Per una nuova idea di cittadinanza).

Domani negli eventi per il 70° della Repubblica organizzati dalla Prefettura in collaborazione con Regione, Comune, Città metropolitana, Università, Istituzioni, Scuola ed Enti culturali si svolgeranno anche il convegno all’Università (Aula Magna alle 11) “2 giugno 1946: grandi speranze, grandi domande” curato dalla Scuola di Scienze Sociali con relazioni delle professoresse Eleonora Ceccherini (Donne e Costituzione) e Daniela Preda (Una nuova Italia in una nuova Europa), la lectio magistralis di Guido Crainz “Storia della Repubblica” introdotta da Luca Borzani alle 17.45 nella sala del Maggior Consiglio del Palazzo Ducale che nella stessa giornata ospiterà anche i concerti dell’Orchestra di fiati e percussioni della Filarmonica Sestrese (16.30, Cortile Maggiore) e Genesi 1 per violoncello ed elettronica, ispirato al lavoro di Sebastião Salgado, di Matteo Manzitti e Francesco Dillon (Munizioniere, alle 21).

Il 2 giugno apertura straordinaria anche del Museo del Risorgimento – Istituto Mazziniano dalle 9 alle 19 con visite guidate a tema alle 10 e alle 16 e concerto in piazza De Ferrari alle 21.15 dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice, con proiezioni dell’Istituto Luce e della Fondazione Ansaldo e illuminazione e apertura del Palazzo della Borsa dalle 18 alle 22.30.

Il 3 giugno ci sarà poi l’apertura straordinaria alla cittadinanza della Capitaneria di Porto (9.30-12.30 e 14.30-16.30) a cura della Direzione Marittima, Capitaneria di Porto, con visite guidate alla sala operativa e ai mezzi nautici , esposizione della “matricola” originale di Giuseppe Garibaldi, presentazioni sull’evoluzione della bandiera navale nazionale, Goffredo Mameli e Regia Scuola di Marina.

Sino al 31 dicembre prossimo proseguono inoltre le visite guidate al Consiglio Regionale – Assemblea Legislativa della Liguria per le scuole, approfondendo il ruolo e l’attività del parlamento regionale nel quadro delle istituzionali nazionali ed europee.

LASCIA UN COMMENTO