19° Premio Inquieto, la Grecia e la grecità al centro degli eventi

0
CONDIVIDI
19° Premio Inquieto, la Grecia e la grecità al centro degli eventi

GENOVA. 30 SET. E’ ricco di appuntamenti il programma degli eventi che dal 7 al 9 ottobre si terranno a Savona in occasione della diciannovesima edizione del Premio nazionale Inquieto dell’Anno.

La consegna del riconoscimento al filologo classico, storico e saggista italiano di fama internazionaleLuciano Canfora, prevista la sera di domenica 9 ottobre al Teatro Chiabrera, sarà preceduta da uno spettacolo teatrale, una conferenza e un’apericena inquieta. In omaggio a Canfora, universalmente considerato un profondo conoscitore della cultura classica, gli eventi avranno come filo conduttore la Grecia e la grecità.

Si inizierà la sera del 7 ottobre con un viaggio nell’Ellade tra poesia, musica e teatro dai testi di Costantin Kavafis e Giorgio Seferis, tradotti da Guido Ceronetti e interpretati dal Teatro dei Sensibili con Eleni Molos e Luca Mauceri. I due attori porteranno in scena alle 21, presso la Sala Cattivi Maestri delle Officine Solimano, un dialogo tra Grecia antica e contemporanea, popolare e colta, nel segno dell’inquietudine.

 

Il pomeriggio di sabato 8 l’argomento si incentrerà sulla filosofia di Platone nella presentazione del libro “Anamnesi e conoscenza in Platone” del filosofo Valerio Meattini, intervistato da Giosiana Carrara,docente di Storia e Filosofia al Liceo Chiabrera di Savona, e con letture da Platone di Jacopo Marchisio (ore 16).

Al termine dell’incontro gli Inquieti si sposteranno al Mercato Civico di via Giuria per un’apericena in omaggio alla terra e ai sapori della Grecia (ore 18,30).

Domenica 9 ottobre alle ore 21, al teatro Chiabrera, la cerimonia di premiazione di Luciano Canfora con intermezzi musicali a cura del pianista Loris Orlando e della flautista Laura Guatti.

L’evento prevederà momenti di teatro e di musica incentrati sulla grecità e non da ultimo una raccolta di fondi che finanzieranno anche solo in parte il ripristino del Museo Leopardi di Visso, Comune in provincia di Macerata colpito dal tragico terremoto dell’agosto scorso. In questo luogo sono conservati molti manoscritti del poeta marchigiano, tra i quali “L’Infinito”.

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO